Borgo Tossignano

BORGO TOSSIGNANO E IL SUO TERRITORIO : Borgo Tossignano dal 1954 è sede del Comune, un tempo situata a Tossignano, l'accogliente paese appollaiato sulla celebre vena gessoso-solfifera che caratterizza la zona, distrutto dagli eventi bellici degli anni 1944-45 e ben presto ricostruito dall'indomita volontà dei suoi abitanti.
Lo stemma del comune: d'azzurro, all'aquila spiegata di nero, tenente nel becco il ramoscello d'ulivo, fruttifero d'oro sormontata dalla corona raggiante dello stesso.
Nome degli abitanti: borghigiani, tossignanesi, codrignanesi.   Superficie del territorio comunale: Kmq 29.12
Altezza sul l/m: da 75 a 563 metri. Prefisso teleselettivo: 0542.  C.A.P. : 40021. Santo Patrono: San Bartolomeo (24 agosto)

ALTRI CENTRI: Tossignano ( a circa 3 km da Borgo) metri 272 sul l/m, Santo Patrono: San Michele (29 settembre), Codrignano ( a circa 4 km dal Capoluogo) metri 90 sul l/m, Santo Patrono: San Geminiano ,  Riviera (parte, a 2 km dal Borgo Tossignano) metri 98 sul l/m,  Totale popolazione nel territorio comunale (al 31 Dicembre 2013): 3332 ab.

ARRIVEDERCI A BORGO TOSSIGNANO

 PORTALE DELLE ASSOCIAZIONI DI BORGO TOSSIGNANO

PARCO REGIONALE DELLA VENA DEL GESSO ROMAGNOLA

ALLERTA METEO

PER INFORMAZIONI PER ALLERTE METEO IN ATTO CONSULTA IL SITO : https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it/

CHIUSURA STRAORDINARIA UFFICI COMUNALI

si comunica che nella giornata di SABATO 9 DICEMBRE 2017 gli uffici comunali saranno chiusi al pubblico.

E' attivo un servizio di reperibilità per  nascite e morti telefonando al n. 3341376608

Aumento della raccolta differenziata e attivazione del nuovo servizio di vigilanza ambientale

A Borgo Tossignano la raccolta differenziata sale al 55%. Un buon posizionamento rispetto all’obiettivo fissato dal Piano regionale sui rifiuti del 65% entro il 2020. Ad un anno dall’introduzione del nuovo sistema di raccolta territoriale dei rifiuti urbani, la raccolta differenziata cresce del 16,5% rispetto al 2016. In aumento anche i conferimenti alla stazione ecologica dell’11% rispetto al 2016.

 E’ trascorso un anno dall’introduzione del nuovo sistema di raccolta territoriale dei rifiuti urbani a Borgo Tossignano.  I nuovi cassonetti, infatti, sono stati posizionati a novembre 2016. La sua riorganizzazione vuole realizzare risultati migliori, in particolare: aumentare la % di rifiuto differenziato, monitorarne la produzione complessiva, intervenire sugli aumenti di costo del servizio. Tutto ciò, quindi, in assoluta coerenza: con le politiche di contenimento della produzione di rifiuti e di aumento della loro differenziazione (LR 16 del 2015); con gli obblighi di corretta gestione delle risorse pubbliche; con l’obiettivo di contrasto all’evasione tributaria.

E i risultati ad oggi riscontrati sono molto positivi, lo dicono i dati:

- nei primi 10 mesi (gennaio-ottobre) di questo anno 2017, la raccolta differenziata è giunta al 55%;

- nello stesso periodo (gennaio-ottobre) dello scorso anno 2016, era ferma al 38,5%;

- l’anno 2015, addirittura, si chiuse (gennaio-dicembre) al 41,3%.

A parità di periodo, quindi, la raccolta differenziata è aumentata del 16,5%.

Mentre i rifiuti indifferenziati sono diminuiti del 41%.

 Infatti i quantitativi di materiali differenziati raccolti sono aumentati da 658 tonnellate (primi 10 mesi del 2016) a 751 (primi 10 mesi del 2017). Mentre i quantitativi di rifiuti indifferenziati sono diminuiti da 1.049 tonnellate (primi 10 mesi del 2016) a 617 tonnellate (primi 10 mesi del 2017).

In particolare, i quantitativi di carta e cartone raccolti sono incrementati  da 86.500 kg a 100.000 kg ed i quantitativi di vetro, plastica e lattine raccolti sono incrementati  da 104.000 kg a 133.000 kg.

 Allo stesso modo è aumentato dell’11% il numero di accessi e di conferimenti alla stazione ecologica: gli accessi sono aumentati da 6.800 (primi 10 mesi del 2016) a 7.580 (dei primi 10 mesi del 2017); mentre i conferimenti sono aumentati da 14.670 (primi 10 mesi del 2016) a 19.900 (dei primi 10 mesi del 2017).

 Attivata anche la collaborazione con i volontari di GEV e CGAM, per attività di educazione ambientale e di vigilanza sugli abbandoni: un'altra buona pratica di volontariato che l’Amministrazione comunale mette in campo. Il fenomeno degli abbandoni di rifiuti crea disagio alla popolazione e distorce la percezione sull’efficacia del nuovo sistema. GEV e CGAM svolgeranno un’azione educativa sul corretto conferimento dei rifiuti e sanzionatoria e sugli abbandoni di rifiuti.

 Nelle scorse settimane abbiamo formalizzato con i distaccamenti territoriali delle Guardie Ecologiche Volontarie e delle Guardie Ambientali Metropolitane, una convenzione per il controllo e la vigilanza delle isole ecologiche di base, al fine di arginare il tema degli abbandoni di rifiuti fuori dai cassonetti. Un'altra buona pratica di volontariato che l’Amministrazione comunale mette in campo per aiutare nell’educare al corretto conferimento dei rifiuti urbani e delle deiezioni animali ed arginare gli abbandoni con sanzioni e multe. Vogliamo ricordare che gli abbandoni di rifiuti devono essere segnalati all'Amministrazione comunale o ad HERA, anche attraverso la APP il 'Rifiutologo'. Denunciarli sui social non serve a nulla, se non ad influenzare negativamente la percezione sulla bontà di un servizio che, invece, i dati rappresentati dimostrano sta dando i risultati attesi e richiesti dalle prescrizioni normative vigenti in materia.

 L’abbandono dei rifiuti significa anzitutto scarso senso civico e rispetto per gli altri cittadini e per l’ambiente: alla mancanza di tessera per l’apertura dei cassonetti ed alla dismissione dei rifiuti ingombranti, però si può rimediare diversamente. Chi abbandona i rifiuti, è probabile non possieda la tessera per aprire i cassonetti, o non conosca i servizi della stazione ecologica e del ritiro a domicilio dei rifiuti ingombranti. Come rimediare? Rivolgendosi agli sportelli di Borgo Tossignano, per l’attivazione del contratto TARI e per il ritiro delle tessere. Recandosi in Stazione ecologica, per conferire rifiuti differenziati ed ingombranti e ricevere uno sconto. Chiamando il Servizio Clienti Hera, per il ritiro gratuito e al domicilio dei rifiuti ingombranti e delle ramaglie.

Per qualsiasi necessità sulle tessere, ci si può recare allo sportello dedicato al piano terra del Municipio di Borgo Tossignano, in Piazza Unità d’Italia 7, tutti i sabati dalle 9 alle 12. Per questioni di carattere più generale sul proprio contratto Tari, è opportuno contattare il Servizio Clienti Hera 800.999.500 (800.999.700 per le utenze non domestiche) dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18 (la chiamata è gratuita sia da fisso che da cellulare).

Alla stazione ecologica per ogni kg conferito di rifiuti urbani e assimilati differenziati (carta, cartone, vetro, plastica, lattine, oli alimentari e minerali, batterie auto/moto), si usufruisce di uno sconto in bolletta pari a 0,165 euro. Anche la consegna di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche non più utilizzabili (tv/monitor, frigoriferi/condizionatori/congelatori, lavatrici/lavastoviglie/asciugatrici), dà diritto a uno sconto complessivo di 4 euro (indipendentemente dal numero degli oggetti e fino a un massimo complessivo di 12 euro all’anno). Per chi non ha la possibilità di recarsi in stazione ecologica, per gettare tutti i rifiuti ingombranti (elettrodomestici di grandi dimensioni, mobilio, materassi, attrezzature, infissi, potature e sfalci fino a 3 mc), è a disposizione anche il servizio di ritiro gratuito a domicilio, telefonando al Servizio Clienti Hera 800.999.500 (gratuito da fisso e cellulare) per  fissare l’appuntamento per il ritiro direttamente a casa vostra.

 Siamo noi i consumatori. Siamo noi i produttori di rifiuti. Impegnarsi per gettarli in maniera attenta e responsabile, significa anzitutto rispettare l’ambiente e garantire il posizionamento dei costi del servizio.

Per agevolare gli utenti della Vallata, con la propria tessera nominativa è possibile accedere ai cassonetti ed alle stazioni ecologiche di tutti e quattro i Comuni della Vallata presenti sul territorio, indipendentemente dal Comune di residenza. 

Si ricorda che a Borgo Tossignano, così come negli altri tre comuni della Vallata, i nuovi cassonetti (tranne quello del vetro) sono dotati, appunto, di sistema di apertura a riconoscimento che richiede l’utilizzo di tessera e di una griglia interna, per monitorare il conferimento dei rifiuti  e migliorare la qualità della raccolta differenziata, evitando l’introduzione di sacchetti di grandi dimensioni e oggetti ingombranti. Per gettare questi ultimi,  potete recarvi alla stazione ecologica di Borgo Tossignano è in via Allende. La stazione ecologica è aperta il martedì, giovedì, venerdì dalle 14.00 alle 17.00 e il sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00 (orario invernale in vigore fino al 31 marzo).  

 Il servizio di gestione dei rifiuti è un servizio necessario e complesso. La TARI, la tassa collegata, serve per coprire i costi del servizio, non realizza una entrata per i Comuni. Omettere il pagamento della TARI, come non possedere la tessera dunque non avere attivato il contratto TARI, equivale ad essere evasori fiscali, dunque a gravare economicamente sul bilancio dei Comuni ossia sull’intera comunità. Proprio perché si tratta di una tassa, il suo pagamento ora non è più effettuabile con domiciliazione bancaria ma deve essere fatto con F24.

 

 

COMUNICATO STAMPA : Emessa la terza rata della Tari 2017

Il tributo, di competenza comunale, viene gestito da Hera e incassato direttamente dai Comuni. Il pagamento , a seguito delle modifiche introdotte  dalla Legge 225/2016, può avvenire solo con il modulo F24, non è più valida la domiciliazione bancaria

E’ in consegna in questi giorni a BORGO TOSSIGNANO l’avviso di pagamento della Tari, a copertura del periodo settembre-dicembre 2017, con scadenza 30 novembre 2017.

La Tari è la tassa che copre i costi del servizio di gestione dei rifiuti urbani e la sua gestione per il 2017 è stata affidata dal Comune a Hera, che emette due o più rate con scadenze previste dal regolamento comunale, seguite da un conguaglio il prossimo anno.

Come previsto per legge, il calcolo della Tari tiene conto delle superfici dichiarate o accertate e della composizione del nucleo familiare risultante dai dati anagrafici forniti periodicamente dai Comuni.

Novità importante nelle modalità di pagamento

Dal 1 ottobre 2017, la L.225/16 prevede l’incasso diretto della Tari nel conto di tesoreria del Comune.  Non è pertanto più consentito mantenere il servizio di pagamento automatico della tassa con domiciliazione bancaria come avvenuto fino ad ora. Il nuovo e unico metodo di pagamento consentito prevede quindi l’utilizzo del modulo F24 precompilato per tutti. Il modulo sarà unito all’avviso di pagamento e potrà essere pagato presso un qualsiasi sportello bancario o postale,  salvo l’obbligo di effettuare il pagamento esclusivamente in via telematica, qualora il contribuente sia un soggetto titolare di partita IVA. Si informa inoltre che il pagamento con F24 è gratuito e può essere utilizzato solo su territorio italiano.

Nella lettera di accompagnamento della bolletta sono indicate le nuove modalità di pagamento e un apposito volantino informativo è inserito in particolare nelle buste destinate alle utenze che fino ad ora pagavano con la domiciliazione. A chi di queste ultime ha reso disponibile il proprio indirizzo di posta elettronica e/o il proprio numero di cellulare, circa 10 giorni prima della scadenza arriverà inoltre una email e circa 3 giorni prima un sms come promemoria. Queste modalità di comunicazione saranno replicate anche con il prossimo invio della bolletta.

Un numero verde  e gli sportelli a disposizione per informazioni

Per informazioni Hera mette a disposizione un numero verde dedicato, 800.999.004, che offre risposte chiare e aggiornate relative a questo tributo, a disposizione dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18.

In alternativa, ci si può rivolgere agli sportelli clienti di Hera sul territorio (l’elenco e gli orari di apertura sono consultabili sul sito www.gruppohera.it/sportelli).

VIGILANZA AMBIENTALE - STIPULATE CONVENZIONI CON I VOLONTARI C.P.G.E.V. E C.G.A.M

Si informa la cittadinanza che sono state stipulate le convenzioni per la vigilanza in materia ambientale (controllo smaltimento rifiuti,  norme sulla tenuta degli  animali,  ecc.), con il Corpo Guardie Ambientali Metropolitane di Bologna e  con il Corpo Provinciale Guardie Ecologiche Volontarie.

- C.P.G.E.V. : www.gev.bologna.itcorpo@gev.bologna.itimola@gev.bologna.it  tel- 054239017

- C.G.A.M. Bologna, corpo@cgam.itsegnalazioni@cgam.it  -  tel 3494500164 - 3469407224

Le convenzioni fatte sono finalizzate anche ad un  ”controllo educativo” al fine di contrastare  il fenomeno di abbandono fuori dai cassonetti  di sacchetti di rifiuti  e materiale vario.  Infatti appare chiaro  che una parte della cittadinanza non utilizza ancora correttamente il nuovo sistema di raccolta con le "MINI ISOLE ECOLOGICHE", realizzato al fine di incentivare la raccolta differenziata .

RICORDIAMO CHE: 

- chi  non ha ricevuto la  tessera  può ritirarla il Sabato Mattina dalle ore 9.00 alle 12.00 -  presso il Comune -  al piano terra -  è presente il  personale di HERA . 

- l'HERA , insieme alle tessere,  ha distribuito un  volantino che  riporta tutte  le informazioni sul servizio offerto : orari isola ecologica -  tipi di smaltimento -   servizi a chiamata (numero verde 800999500) per il  ritiro a domicilio di oggetti ingombranti  o rifiuti di giardinaggio - app: il Rifiutologo - www.ilrifiutologo.it

Invitiamo  pertanto i Cittadini a utilizzare gli strumenti messi in campo per incentivare la raccolta differenziata,   perché  il materiale (carta, plastica, vetro.  alluminio)  è effettivamente riutilizzato.   Con piccoli gesti quotidiani possiamo limitare : 1)  il volume dei rifiuti indifferenziati destinati alla discarica - 2)  l’utilizzo di nuove materie prime . Insieme  possiamo migliorare l'ambiente per noi e per le future generazioni. Grazie per la collaborazione - L'Amministrazione Comunale-

PROGETTO SANTERNO RESILIENTE- VERSO IL CONTRATTO DI FIUME SANTERNO

Il 30 settembre '17 con il Convegno presso il Palazzo Baronale a Tossignano, in occasione di TIPICA 2017,  ha preso il via ufficialmente il percorso partecipativo SANTERNO RESILIENTE, che definirà l'approccio metodologico e la prima fase del confronto tra i protagonisti del percorso "Verso il Contratto di Fiume Santerno". Il capofila del progetto l’Associazione GIPIESSE - https://www.gipiesse.net ha messo a disposizione un sito su cui gli interessati possono reperire maggiori informazioni sul progetto e sui convegni in programma : www.santernoresiliente.org

Tutti i soggetti interessati, pubblici e privati, possono aderire al Contratto di Fiume Santerno. Per informazioni o richieste di adesione invia una mail a progetti@gipiesse.net.

Syndicate content